top of page

CHRISTOPHER DUARTE
“John W. Duarte e Angelo Gilardino”

Screenshot 2023-09-18 alle 11.32.56.png
Screenshot 2023-09-18 alle 11.33.40.png
Screenshot 2023-09-18 alle 11.33.26.png

Nel settembre 1971 Angelo indirizzava lettere a "Dear John" e nel gennaio 1973 a "Dear Jack", il nome con cui Duarte era chiamato dagli amici.

Si menzionavano costantemente nuove pubblicazioni e il volume delle lettere, a volte tre, quattro o cinque pagine a caratteri stretti, raggiunse probabilmente il suo apice sul finire degli anni '70.

Scrivevano due lettere a settimana, su due argomenti diversi. Un argomento riguardava i chitarristi dell'epoca; le loro esibizioni, le loro personalità e i loro rapporti di lavoro con agenti, stazioni radio e manager di concerti. L'altro argomento riguardava la musica; diteggiature, editing, suggerimenti per piccole modifiche alle partiture, dediche, notizie su altri compositori e sulle loro nuove composizioni o loro suggerimenti per opere da pubblicare per Bèrben.

Quando Angelo ricevette la partitura della Suite Piemontese Op.46 di Duarte nell'ottobre del 1970 disse: "Oggi è stato uno dei giorni più belli e importanti della mia vita. Vedi, non ho mai aspettato con tanta ansia un'opera della mia serie come per la Suite Piemontese... hai fatto una cosa eccezionale!".

Angelo ha apprezzato la sensibilità innata di Duarte per le melodie della sua terra natale, così come le armonizzazioni e lo sviluppo di queste melodie. Sarà un lavoro che Angelo suonerà più volte e inciderà anche su uno dei primi LP edito da Bèrben.

Screenshot 2023-09-18 alle 11.33.53.png
Screenshot 2023-09-18 alle 11.34.26.png

Vercelli (Italia) 17 settembre 1969.

"Caro signor Duarte, il suo indirizzo mi è stato dato dalla signora Clara Castelnuovo-Tedesco, quando l'ho incontrata a Firenze, durante la sua recente visita in Italia."

Iniziò così un'amicizia durata 35 anni, un legame reciproco rafforzato da una corrispondenza che conta centinaia di lettere. La corrispondenza copriva una vasta gamma di argomenti, non solo la musica.

Inizialmente, ovviamente, Angelo si preoccupava di garantire la pubblicazione delle opere di Duarte per le Edizioni Musicali Bèrben. Duarte gli inviò un elenco dei suoi lavori inediti (abbastanza incompleti, a quanto pare) e Angelo gli propose di pubblicarli tutti, anche quelli risalenti agli anni quaranta (alcuni ora pubblicati da UT Orpheus Edizioni).

La fine degli anni '60 segnò una nuova vita per Duarte. Aveva appena abbandonato il lavoro a tempo pieno, come chimico industriale, e aveva aperto una rivendita di giornali e tabacchi, per procurarsi un po' di reddito, per potersi dedicare alle sue passioni nella speranza di poter divenire presto insegnante e compositore di chitarra a tempo pieno.

Nei quattro anni in cui la famiglia fu proprietaria del negozio, Duarte scrisse 20 opere originali e iniziò la sua storica trascrizione di "A Varietie of Lute-Lessons" di Robert Dowland.

Angelo e Bèrben furono coinvolti nella pubblicazione di molti di questi pezzi. La loro famosa "Red Series" divenne sinonimo di nuova musica per chitarra, che fu copiata, ma non sempre eguagliata, da molti altri editori musicali.

suite piemontese.jpg
Screenshot 2023-09-18 alle 11.34.39.png

Sfortunatamente non abbiamo molte delle lettere di Duarte ad Angelo, che furono distrutte in un incendio nell'appartamento di Angelo.

Angelo mi raccontò che: "Io e Jack non abbiamo subito alcun ricatto, ed eravamo molto liberi e aperti nei nostri giudizi" e questo certamente traspare dal libero flusso delle lettere di Angelo.

A causa degli argomenti di cui hanno scritto Angelo e Duarte, ho promesso ad Angelo che non avrei reso pubbliche le sue lettere. La loro corrispondenza nel corso di un lungo periodo riflette sempre un profondo rispetto e una profonda amicizia.

© Christopher Duarte, agosto 2023

Screenshot 2023-09-18 alle 11.35.09.png
Logo
bottom of page